Inizio contenuto main della Ragioneria Generale dello Stato

Economia e Finanza




   Il Prodotto interno lordo (PIL) dell’Unione Europea

Il Prodotto interno lordo (PIL) di un Paese è l’aggregato statistico che misura il valore della produzione di beni e servizi finali realizzata all’interno del Paese nel periodo considerato. Il PIL è l’aggregato più comunemente utilizzato per misurare la dimensione economica di uno Stato. Nelle figure sopra riportate si fa riferimento al PIL di ciascuno dei 28 Paesi dell’Unione Europea (incluso il Regno Unito). L’aggregato riportato nelle figure è espresso in miliardi di euro a prezzi correnti.





I dati utilizzati in questa sezione sono accessibili in formato CSV nel Catalogo OpenData.




   Il PIL pro capite dell’Unione Europea

Il Prodotto interno lordo (PIL) pro capite di un Paese è un indicatore statistico ottenuto quale rapporto tra il valore del PIL del Paese nel periodo considerato e il suo numero di abitanti. L’indicatore fornisce una misura del tenore di vita registrato in media nel Paese. Nelle figure sopra riportate si fa riferimento al PIL pro capite di ciascuno dei 28 Paesi dell’Unione Europea (incluso il Regno Unito). L’indicatore riportato nelle figure è espresso in migliaia di euro a prezzi correnti.





I dati utilizzati in questa sezione sono accessibili in formato CSV nel Catalogo OpenData.




   Il PIL pro capite in standard di potere d'acquisto dei Paesi dell’Unione Europea

Il Prodotto interno lordo (PIL) pro capite di un Paese espresso in standard di potere d’acquisto (PPS) è un indicatore statistico ottenuto quale rapporto tra il valore del PIL del Paese, rettificato per tener conto delle differenze tra i livelli dei prezzi (espressi in un’unica valuta) dei diversi Paesi, e il suo numero di abitanti. L’indicatore misura anch’esso il tenore di vita registrato in media in un Paese e la correzione per i differenziali di potere d’acquisto di un’unità monetaria consente un confronto accurato tra il tenore di vita dei diversi Paesi, valutando la prosperità relativa di questi ultimi. Nelle figure sopra riportate si fa riferimento al PIL pro capite in standard di potere d’acquisto (PPS) di ciascuno dei 28 Paesi dell’Unione Europea (incluso il Regno Unito) in rapporto al PIL pro capite in PPS per l’Unione Europea a 28 Paesi.





I dati utilizzati in questa sezione sono accessibili in formato CSV nel Catalogo OpenData.




   L’occupazione nell’Unione Europea

L’occupazione è l’aggregato statistico che rileva il numero di persone di 15 anni e più che, nella settimana di riferimento in cui ha avuto luogo l’indagine sulle forze di lavoro, hanno svolto almeno un'ora di lavoro in un’ attività che preveda un corrispettivo monetario o in natura o nell'interesse della famiglia. Il numero degli occupati comprende i lavoratori dipendenti (le persone che lavorano alle dipendenze di un datore di lavoro pubblico o privato e che percepiscono un corrispettivo) e i lavoratori indipendenti (coloro che lavorano nella propria impresa o azienda agricola o esercitano un'attività professionale). Nelle figure sopra riportate si fa riferimento all’occupazione di ciascuno dei 28 Paesi dell’Unione Europea (incluso il Regno Unito).





I dati utilizzati in questa sezione sono accessibili in formato CSV nel Catalogo OpenData.




   Il tasso di occupazione nei Paesi dell’Unione Europea

Il tasso di occupazione è l’indicatore statistico ottenuto come rapporto tra il numero di occupati e la popolazione in età lavorativa. Quest’ultima è spesso definita con riferimento alla fascia di età compresa tra i 15 e i 64 anni. I tassi di occupazione facilitano i confronti sulla situazione occupazionale dei diversi Paesi in quanto tengono conto della diversa consistenza della popolazione. Nelle figure sopra riportate si fa riferimento al tasso di occupazione per le persone in età compresa tra 15 e 64 anni in ciascuno dei 28 Paesi dell’Unione Europea (incluso il Regno Unito).





I dati utilizzati in questa sezione sono accessibili in formato CSV nel Catalogo OpenData.




   Il tasso di disoccupazione nei Paesi dell’Unione Europea

Il tasso di disoccupazione è l’indicatore statistico ottenuto come rapporto tra il numero dei disoccupati e le forze di lavoro. Le forze di lavoro (popolazione economicamente attiva) comprende gli occupati e i disoccupati. Nelle figure sopra riportate si fa riferimento al tasso di disoccupazione per le persone in età compresa tra 15 e 74 anni in ciascuno dei 28 Paesi dell’Unione Europea (incluso il Regno Unito).





I dati utilizzati in questa sezione sono accessibili in formato CSV nel Catalogo OpenData.




   L’evoluzione del PIL dell’Unione Europea e dei principali Paesi

Il PIL misura il valore della produzione di beni e servizi finali realizzata all’interno del Paese nel periodo considerato. Nella figura si fa riferimento al PIL espresso in quantità a prezzi concatenati per i principali Paesi dell’Unione Europea (incluso il Regno Unito). Viene mostrata l’evoluzione temporale recente del PIL in termini reali utilizzando numeri indici. Questi sono posti pari a 100 nell’anno 2006 per ciascuno dei Paesi considerati.





I dati utilizzati in questa sezione sono accessibili in formato CSV nel Catalogo OpenData.




   L’evoluzione dell’occupazione dei principali Paesi dell’Unione Europea

Nella figura si fa riferimento all’evoluzione temporale recente dell’occupazione nei principali Paesi dell’Unione Europea (incluso il Regno Unito). Il numero di persone occupate (di età da 15 anni in su) viene espresso utilizzando numeri indici. Questi sono posti pari a 100 nell’anno 2006 per ciascuno dei Paesi considerati.





I dati utilizzati in questa sezione sono accessibili in formato CSV nel Catalogo OpenData.




   L’evoluzione della produttività del lavoro nell’Unione Europea e nei principali Paesi

La produttività del lavoro è un indicatore statistico ottenuto come rapporto tra il PIL espresso in quantità a prezzi concatenati e il numero di persone occupate all’interno del Paese nel periodo considerato. Nella figura si fa riferimento all’evoluzione della produttività del lavoro per i principali Paesi dell’Unione Europea (incluso il Regno Unito) utilizzando numeri indici. Questi sono posti pari a 100 nell’anno 2006 per ciascuno dei Paesi considerati.





I dati utilizzati in questa sezione sono accessibili in formato CSV nel Catalogo OpenData.




   L’interscambio con l’estero dei principali Paesi dell’Unione Europea: il saldo delle partite correnti della bilancia dei pagamenti

L’interscambio di un Paese con l’estero è misurato dal saldo del conto corrente della bilancia dei pagamenti. Il valore di tale aggregato fornisce informazioni sul valore degli scambi internazionali di merci e servizi (esportazioni meno importazioni), sui redditi primari corrisposti a operatori non residenti e percepiti da operatori non residenti e sui trasferimenti correnti da e verso il resto del mondo. Un saldo positivo (avanzo delle partite correnti) indica che un'economia sta ricavando con le proprie esportazioni più di quanto spenda nelle operazioni di importazione con operatori del resto del mondo. Nella figura il saldo delle partite correnti è riportato in percentuale rispetto al PIL e si fa riferimento ai principali Paesi dell’Unione Europea (incluso il Regno Unito) in tre diversi anni.





I dati utilizzati in questa sezione sono accessibili in formato CSV nel Catalogo OpenData.




   La finanza pubblica: (1) il saldo di bilancio delle Amministrazioni pubbliche nei Paesi della UE

Il saldo di bilancio delle Amministrazioni pubbliche è l’aggregato statistico che corrisponde alla differenza tra le entrate e le spese totali delle amministrazioni pubbliche di un Paese nel periodo di riferimento. Il saldo di bilancio è definito come l'accreditamento/indebitamento delle amministrazioni pubbliche e un saldo negativo corrisponde a un disavanzo pubblico (indebitamento del settore delle amministrazioni pubbliche nel periodo di riferimento). Nella figura il saldo di bilancio delle Amministrazioni pubbliche è riportato in percentuale rispetto al PIL e si fa riferimento ai Paesi dell’Unione Europea (incluso il Regno Unito) in due diversi anni.





I dati utilizzati in questa sezione sono accessibili in formato CSV nel Catalogo OpenData.




   La finanza pubblica: (2) il debito delle Amministrazioni pubbliche nei Paesi della UE

Il debito delle Amministrazioni pubbliche (debito pubblico) è l’aggregato statistico che misura la consistenza delle passività lorde della pubblica amministrazione alla fine dell'esercizio, misurate al valore nominale e consolidate. Nella figura il debito delle Amministrazioni pubbliche è riportato in percentuale rispetto al PIL e si fa riferimento ai Paesi dell’Unione Europea (incluso il Regno Unito) in due diversi anni.





I dati utilizzati in questa sezione sono accessibili in formato CSV nel Catalogo OpenData.